Walter Veltroni

veltroni.jpg

Diciamoci la verità, se oggi Veltroni rappresenta una novità per il panorama politico italiano, pur essendo uno che fa politica da quasi 40 anni, è perchè negli anni ha puntato tutto sulla capacità di affrontare i problemi e risolverli. Se a questo si aggiunge uno stile della comunicazione tutto proiettato sulla sobrietà e limitato a quello che si sta facendo piuttosto che a quello che si vorrebbe fare, sempre attento a rimanere all’interno del proprio ruolo e lontano dal chiacchiericcio quotidiano a cui ci hanno abituati i “piccoletti” della politica e i media italiani, allora si capisce l’entusiamo che sta provocando tra i sosenitori del Partito Democratico.
Quando Veltroni venne a Napoli, al Teatro Mercadante, a spiegare “Cos’è la politica”, tutti noi comprendemmo che il sindaco di Roma avrebbe presto assunto un ruolo di carattere nazionale. Veltroni rappresenta oggi l’idea che tutto il popolo dell’Ulivo ha del costituendo partito democratico. Il Pd e Veltroni sono la novità vera della politica italiana: rappresentano la speranza di riformare il sitema Italia. Se c’è qualcuno che può mettere in crisi le etichette ed i clichè di questa nostra italietta, questo si chiama Walter Veltroni. Lo ha già detto ieri al Lingotto di Torino, per chi non lo avesse capito: basta al conservatorismo di destra, ma basta anche al conservatorismo di sinistra. Questa malattia tutta nostra che poteva avere una spiegazione nell’Italia del dopoguerra divisa in blocchi ideologici, non ha senso oggi in un contesto europeo dove paesi che dovrebero essere vecchi fervono di dinamicità come stanno dimostrando la Spagna e l’Inghilterra.
Ti ringrazio Walter per quel che stai facendo e che farai.

(Visited 35 times, 1 visits today)

Potrebbe interessarti anche...

1 Risposta

  1. antonio scrive:

    La vedo dura, ma c’è da ammettere che è stato bravo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>