Pd, lunedì si insedia il Forum “Salva la Scuola”

pd_salvascuola.jpg 

Il Partito Democratico di Marcianise si mobilita sulla Scuola. Il Dipartimento Scuola e Cultura del Circolo di Marcianise aderisce all’iniziativa nazionale “Salva la scuola”, la tre giorni di mobilitazione contro il decreto Gelmini, per contrastare una riforma sbagliata e imposta al Parlamento con decreti legge e voti di fiducia. I dirigenti del Partito Democratico saranno davanti alle scuole cittadine lunedì 29 settembre per fare volantinaggio e parlare con gli studenti e gli insegnanti.

“Se tagli si debbono fare è incredibile che si parta proprio dalla scuola” – interviene Alessandro Tartaglione già assessore all’Istruzione del Comune di Marcianise e responsabile del Dipartimento Scuola del Pd cittadino. “In questo modo si porterà la spesa pubblica al di sotto della media europea. Il futuro dell’Italia si gioca su formazione, scuola, ricerca e università. Noi del Pd pensiamo ad una scuola di qualità dove è possibile promuovere le diverse intelligenze e le diverse abilità. Un luogo di educazione alla cittadinanza e di formazione, di apprendimenti di saperi e di conoscenza, di acquisizione di competenze”.

Le cifre propinate dal Governo, invece, parlano da sole: 8 miliardi di euro di tagli in tre anni; quasi 100mila insegnanti in meno, 43mila di personale tecnico-amministrativo. La scuola passa da settore strategico a solo capitolo di spesa.

Con conseguenze disastrose. La mobilitazione al sostengo della Scuola continuerà poi nella mattinata di lunedì 29 settembre. Alle ore 11.00, infatti, presso la sede del Pd in via Duomo a Marcianise, si costituirà il Forum “Salva la Scuola”. Il Forum si occuperà delle problematiche scolastiche cittadine e nazionali a 360 gradi, coinvolgendo studenti, docenti, personale Ata, dirigenti scolastici, insegnanti di sostegno, precari, genitori.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Potrebbe interessarti anche...

1 Risposta

  1. Claudio scrive:

    é incredibile che in un paese con crescita demografica pari a zero e con una costante fuga di cervelli all’estero si mortifichi ancora di più un settore strategico per lo sviluppo de paese

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>