Stanziati 600.000 euro per la tutela dell’ambiente

Il tema ambientale è sempre al primo posto dell’agenda politica dell’Amministrazione comunale. Con l’approvazione del riequilibrio di bilancio, un notevole impegno economico è stato predisposto per iniziative a salvaguardia dell’ambiente. L’amministrazione ha stanziato infatti oltre 600.000 euro per la tutela dell’ambiente, del territorio e per la manutenzione del verde pubblico. Di queste somme 300.000 euro saranno destinate per il progetto “Life” natura e biodiversità; 200.000 euro per iniziative a sostegno dell’ambiente e 100.000 euro per la manutenzione del verde pubblico cittadino. Queste cifre si aggiungono agli oltre 4 milioni di euro già stanziati per la realizzazione del Ring Verde, che diventerà il più grande polmone verde della città.
Oltre al tema ambientale l’amministrazione comunale ha investito molto anche sulla sicurezza. Le somme stanziate nel riequilibro, pari a 230.000 euro, serviranno per il fitto dei locali ed aree per le forze dell’ordine. In particolare queste somme saranno utilizzate per ospitare la sede della Compagnia dei Carabinieri e per il fitto dei nuovi locali del Commissariato di Polizia.

 

(Visited 32 times, 1 visits today)

Potrebbe interessarti anche...

4 Risposte

  1. pino scrive:

    Mi chiedo a cosa serva fare dei parchi come quelli di via giudice Falcone e di via de Sanctis, se poi si lasciano abbandonati a se stessi facendoli diventare quindi campo di azione dei vandali. Invece di riempirvi la bocca con questi gandi progetti, recuperate prima cio’ che esiste e fate in modo che il denaro pubblico non venga sprecato in quel modo. A cosa servono i cestini se nessuno li svuota e non servono ad altro che a contribuire ad uno spettacolo orrendo che e’ fatto di immondizia, solo immndizia ovunque si guardi?
    intanto pero’ intorno al municipio, ci sono gli operatori ecologici che tengono pulito ed i vigili che ameno fanno presenza. Da noi vengono una volta ogni morte di papa, fanno quanche multa e vanno via. E’ una vergogna.

  2. Frutiger_cp scrive:

    E i campi in cui c’è il divieto di coltivazione sono stati considerati? I controlli sull’allevamento? Vorrei sapere come l’amministrazione comunale affronterà questo problema e se ci sono provvedimenti in questa direzione concordati con altre amministrazioni locali. Ormai a Marcianise si sopravvive. Le nostre vite sono tutte a rischio! La situazione è tragica e a me piace guardare la realtà e capire soprattutto. Ma questo non ci è concesso, ci viene detto quello che fa più comodo. Basta ascoltare le interviste di Roberto Saviano e leggere il suo libro per restare sconcertati. Parlo da marcianisano che si è tresferito al nord con tanta rabbia e tristezza: stanno distruggendo la nostra terra e le nostre vite! Scusate lo sfogo!

    Frutiger_cp

  3. pino scrive:

    Caro assessore, qualche giorno fa’ avevo inserito due commenti che non hanno avuto alcuna replica o risposta. Pero’ mi lascia perplesso il fatto che i commenti siano spariti. Spero che sia successo per motivi tecnici anche se sono assalito dal sospetto che siano stati cancellati perche’ scomodi. Se fosse cosi’ temo che la nostra concezione della democrazia e’ molto diversa.
    Le suggerisco di creare un vero contatto con i cittadini dove anche le critiche possano aiutare a risolvere qualche problemino.

  4. Premessa: mi scuso se non riesco ad aggiornare quotidianamente il sito e i commenti del Blog. Nessuna volontà di censura, anzi, sono contentissimo di intavolare un dibattito con i cittadini. Sia chiaro che, così come ho fatto per il passato, non pubblicherò commenti offensivi e/o anonimi.

    La questione ambientale a Marcianise ha sviluppato negli ultimi 2 anni un dibattito pubblico confusionario. Si sono mischiati dati statistici ed analisi scientifiche: risultato la confusione più totale. Non voglio quì aprire un dibattito sulla catastrofe ambientale che c’è e ha delle responsabilità, ma mi preme dire che l’inquinamento del territorio è legato quasi esclusivamente a fattori di carattere industriale. La situazione dei rifiuti è un aggravante è non la causa scatenante.

    Saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>