Progetto contro il bullismo alla SMS “Cavour”

BullismoSi è concluso in questi giorni, presso la Scuola Media “Cavour” di Marcianise, un percorso formativo per gli insegnanti denominato “Progetto Bullismo: Prevenzione e Intervento”. Un progetto finalizzato a diffondere un tema rilevante, quello legato al bullismo, in questi giorni al centro di molte cronache nazionali; un termine oggi largamente impiegato per etichettare vari comportamenti di sopraffazione, soprattutto in ambito scolastico; parolacce, offese, umiliazioni e “prese in giro”, ma anche minacce, botte e danni alle proprie cose; sono questi gli atti di bullismo che i ragazzi hanno denunciato più frequentemente nell’ambito di varie ricerche dedicate al fenomeno. Il progetto, fortemente voluto dal Preside Serino, è stato presentato e realizzato dalla dr.ssa Maria Pia Colella e dalla dr.ssa Antonella Giordano, psicologhe del “Centro di Psicologia Sisifo”; a tale proposito le stesse dichiarano: “il progetto dedicato alla prevenzione e all’analisi del bullismo ha avuto una risposta sicuramente positiva, grazie alla sensibilità del Preside Serino e all’interesse mostrato dagli insegnanti della Scuola; il bullismo esiste anche nelle nostre scuole ed è causa di un disagio che i docenti, i familiari e soprattutto i ragazzi si portano dentro. Un disagio frutto di interazioni violente fra pari, premonitrici di futuri e piu’ gravi comportamenti antisociali”.
Commenta il Preside Serino: “il progetto in questione è stato seguito dal 100% del corpo docente, che ha lavorato in prima persona, esaminando casi verificatisi in classe e ricercando soluzioni adeguate sia sotto l’aspetto psicologico, sia sotto l’aspetto sociale e familiare. I professori, avvalendosi del supporto specialistico delle due psicologhe (dr.ssa Colella e dr.ssa Giordano) hanno compreso molti casi e analizzato diversi fenomeni di bullismo. Penso, visti i risultati molto positivi, che l’iniziativa venga ripetuta. Tengo poi a precisare che questa formazione è stata svolta nell’ambito di finanziamenti che la scuola ha avuto ai sensi dell’art. 9 CCNL, riservati per le scuole che si trovano in aree a rischio e studiati per contrastare il disagio e l’emarginazione scolastica”.
Aggiunge l’Assessore alle politiche dell’educazione e scolastiche Alessandro Tartaglione: “In una terra come la nostra, spesso offesa dalla cultura della sopraffazione e del sopruso e rinforzata ulteriormente dal contesto socio-ambientale e da modelli familiari improntati alla logica della prevaricazione e della violenza, non è difficile aspettarsi che i bambini e i ragazzi mettano in atto comportamenti coerenti con questi modelli. La scuola poi, palestra di apprendimento per la vita nasconde, nel suo tessuto di relazioni tra coetanei, una cultura di violenza a volte scarsamente considerata, altre volte ignorata o minimizzata dagli adulti. Ho appreso quindi con piacere l’iniziativa del Preside della Scuola Media “Cavour” dott. G. Serino, circa la realizzazione del percorso formativo denominato “Progetto Bullismo: Prevenzione e Intervento”, al punto che è mia intenzione coinvolgere gli altri istituti scolastici di Marcianise in un incontro finalizzato a diffondere l’esperienza della Scuola Cavour su un tema così rilevante. Credo che sia mio compito affrontare, insieme a chi nella scuola lavora in prima persona e ai genitori, il problema del bullismo e favorire interventi anzitutto di prevenzione e poi di gestione”.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Potrebbe interessarti anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>