Le Primarie: Con Prodi per la rinascita del Paese

Il prossimo 16 Ottobre ci sarà una novità assoluta per la nostra cara Italia. Per la prima volta, uomini e donne che si riconoscono in un progetto che propone un futuro di pace, di giustizia, di libertà, di benessere, voteranno il loro candidato che dovrà affronatare la sfida per il governo del Paese nel 2006.
I Democratici di Sinistra sosterranno il Prof. Romano Prodi, convinti che sia l’uomo giusto per affrontare e vincere la sfida con Berlusconi ed il Centrodestra. Per fare ciò sarà necessario mobilitare gli elettori de l’Unione e far confluire su Prodi il maggior numero possibile di voti. Nei prossimi giorni, insieme alle altre forze politiche che sostengono il Professore, daremo vita ai comitati volontari per sostenere questa magnifica battaglia di deomocrazia.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Potrebbe interessarti anche...

2 Risposte

  1. clemente inpastella scrive:

    riguardo alla legge che il berlusca vuole fare….grillo scrive sul suo blog:

    L’attuale governo è stato sfiduciato dal voto delle Regionali quando da tutta Italia si è levato nei suoi confronti un fragoroso “Va aff..lo!”
    I partiti dell’opposizione e i sindacati avrebbero dovuto pretendere le elezioni politiche anticipate, perché non lo hanno fatto?
    Ora io chiedo all’opposizione di impedire in ogni modo che questo decreto sia attuato, altrimenti alle prossime elezioni tanto vale tenerci l’originale.

  2. Alessandro Tartaglione scrive:

    Non sono d’accordo con Grillo. Non era necessario dare un vantaggio a Berlusconi. Avrebbe avuto la possibilità di rilanciarsi.
    Come si vede, infatti, stiamo assistendo al declino di Berlusconi e della sua leadership nel centrodestra. Purtroppo stanno mandando in declino anche l’Italia. Ma questo lo hanno deciso gli italiani nel 2001. Ad ognuno le proprie responsabilità. Come diceva il saggio Montanelli, i cittadini lo devono provare e se ne devono pentire. Solo così potremmo finalmente porre fine al “berlusconismo” e le negatività che ha creato in questi anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>